dieta gruppo 0

Il gruppo 0 appartiene alla categoria dei primi uomini, ovvero dei nostri antenati che si alimentavano prevalentemente cacciando e raccogliendo frutta ed erbe spontanee.

Non erano quindi ne agricoltori, ne allevatori e si nutrivano esclusivamente di ciò che la natura metteva loro a disposizione.

Il gruppo 0 ha un sistema immunitario estremamente reattivo. In caso di cattiva alimentazione può manifestare sintomi di patologie in tempi molto rapidi, in compenso può recuperare altrettanto velocemente, ricominciando a nutrirsi in maniera corretta.

I soggetti del gruppo zero possiedono un apparato digerente molto robusto, che produce acido gastrico in abbondanza e digerisce facilmente la carne (sempre meglio preferire le carni magre alle grasse). In compenso non digerisce bene ne i cereali (specialmente quelli con il glutine), ne i latticini.

Le persone di gruppo sanguigno 0 reggono bene lo stress, anche rispetto agli altri gruppi e hanno bisogno di essere fisicamente attivi. Per questo motivo si consiglia di fare molto sport, anche pesante (palestra, rugby, calcio, ecc..), a cui sono predisposti, dato la loro indole di cacciatori.

Alimentazione del Gruppo 0

Vediamo ora qual’è la dieta del gruppo sanguigno 0, consigliata direttamente dal Dottor Mozzi, per mantenere un buono stato di salute e prevenire la maggior parte delle patologie.

CARNE

dr mozzi carne rossa

Le persone di gruppo sanguigno di tipo 0 vivono bene e in salute seguendo una dieta ricca di carne, fermo restando che il maiale resta una carne da evitare, in quanto nociva per questo gruppo sanguigno.

  • Benefici: agnello, capretto, capriolo, cavallo, manzo, montone, vitello.
  • Neutri: anatra, coniglio, lepre, pollo, gallo, gallina, tacchino.
  • Sconsigliati: cinghiale, maiale (sia la carne sia i salumi), oca e tutte le carni carni affumicate.

PESCE

Pesce, crostacei e frutti di mare sono un’altra eccellente fonte di proteine animali, marticolarmente adatti alle persone che appartengono al gruppo 0. I pesci provenienti dalle acque fredde, come il merluzzo e lo sgombro, sono perfetti poiché sono ricchi di acidi grassi Omega-3, antinfiammatori che contribuiscono a costruire i tessuti attivi dei muscoli in modo altrettanto efficace rispetto alla carne rossa. E’ importante prediligere pesci non di allevamento.

  • Alimenti benefici: aringa, luccio, merluzzo, nasello, pagello, persico, pesce spada, ricciola, salmone (non affumicato), sardina, sgombro, sogliola, storione, trota
  • Alimenti neutri: acciuga, anguilla, aragosta, branzino, calamaro, carpa, cernia, cozze, gambero, granchio, lumache di terra, orata, ostrica, passera di mare, tonno, triglia, vongole
  • Alimenti nocivi: aringa affumicata o in salamoia, caviale, palombo, pesce gatto, polipo, salmone affumicato e seppia

Sconsigliato il pesce fritto, affumicato e impanato e predilige il pesce al naturale piuttosto che in scatola. Da evitare la combinazione pesce-latticini.

LATTE, DERIVATI E UOVA

Le persone di gruppo 0 devono limitare drasticamente il consumo di latte e derivati, una fonte di proteine non ottimale per loro, poiché l’organismo non riesce a metabolizzarle bene. Ok invece per le uova che si possono consumare tranquillamente, anche se è preferibile evitare le uova sode, troppo pesanti per la digestione del gruppo 0.

  • Alimenti benefici: uova ( da 2 a 5 alla settimana, da evitare le uova sode, o fritte con olio, o burro).
  • Alimenti neutri: feta (formaggio fresco di capra e pecora di tipo greco), formaggio di capra, mozzarella di latte vaccino e di bufala
  • Alimenti nocivi: tutti gli altri latticini (compreso lo yogurt)

Per maggiori informazioni consulta il libro: La dieta del dottor Mozzi.